Oct
03

E’ morta Ida Marcheria deportata ad Auschwitz

By

È MORTA IDA MARCHERIA,
SOPRAVVISSE AD AUSCHWITZ

ROMA – Ha resistito e ce l’ha fatta, è riuscita a sopravvivere alle deportazioni ad Auschwitz degli ebrei italiani, ma anche per lei è arrivata l’ora dell’addio. Si è spenta oggi nella Capitale Ida Marcheria, ottantaduenne, una tra le ultime sopravvissute a ricordare i giorni della shoah.
Lo ha reso noto la Comunità ebraica romana. Ebrea di famiglia originaria dell’isola di Corfù, era nata a Trieste il 13 agosto del 1929. Nel novembre del 1943 fu catturata dai tedeschi e deportata ad Auschwitz, da dove fu liberata dai sovietici nel 1945. Trasferitasi dopo la guerra a Roma, era diventata una testimone della Shoah e della terribile esperienza nel campo di sterminio. Più volte invitata a ricordare per il Giorno della Memoria, aveva a Roma una cioccolateria famosa nel quartiere Trieste.

«Con Marcheria scompare una donna incredibile, una persona coraggiosa che è stata testimone e portavoce dell’orrore della Shoah». Lo dichiara il sindaco di Roma, Gianni Alemanno. «A Ida è stata rubata la vita, all’età di 14 anni è stata trasportata in vagoni bestiame verso Birkenau, dove con i suoi occhi ha visto il male assoluto – prosegue – Il prossimo 23 ottobre saremmo ad Auschwitz-Birkenau con le scolaresche, impegnati sul tema della memoria, affinchè il ricordo di quei anni bui per l’intera umanità sia un patrimonio collettivo e condiviso, un esercizio spirituale ed educativo da trasmettere alle nuove generazioni».
«Questo viaggio Roma Capitale vuole dedicarlo a una grande donna, Ida Marcheria e a un grande uomo Romeo Salmonì, che ci ha lasciato qualche mese fa – aggiunge – Alla famiglia di Ida voglio inviare un caloroso e affettuoso abbraccio a nome di tutta l’amministrazione capitolina».

«Con la scomparsa di Ida Marcheria perdiamo una grande testimone della storia. È sempre difficile comprendere l’esperienza umana vissuta in quel contesto storico, ma la sua forza ci ha permesso di conoscere la tragedia più grande che l’umanità abbia vissuto. I suoi racconti dolorosi e sempre lucidi hanno consentito di trasmettere la memoria della Shoah a moltissimi giovani per capire che quanto è avvenuto è stato frutto dell’uomo e non di marziani o mostri. Ai suoi familiari va la vicinanza mia e dell’Amministrazione provinciale. Continueremo a ricordare Ida Marcheria perché avvertiamo l’importanza di non spegnere la memoria e perché è il modo migliore per rendere onore a lei e a tutti gli ex deportati che non finiremo mai di ringraziare abbastanza». Lo dichiara, in una nota, il presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti.

da leggo.it

Categories : cronaca, social, società, storia